martedì 31 gennaio 2017

CONGRESSO INTERNACIONAL FERNANDO PESSOA 2017 | Fundação Calouste Gulbenkian Auditório 2 | 9 a 11 de Fevereiro

 Congresso Internacional Fernando Pessoa 2017 

2017 é ano de Congresso Internacional Fernando Pessoa. Nos dias 9, 10 e 11 de Fevereiro convidamos a ouvir comunicações inéditas - sobre temas a ser desbravados agora pelos investigadores que trabalham sobre o escritor há anos ou pelos doutorandos que ainda ensaiam publicações. Três dias para tornar de todos o conhecimento científico, em produção em Portugal e no estrangeiro, na Fundação Calouste Gulbenkian.

programa completo pode ser consultado aqui.
Estão abertas as inscrições, sendo gratuitas para estudantes e desempregados, existindo também descontos para seniores e professores.
A ficha de inscrição encontra-se disponível em http://casafernandopessoa.cm- lisboa.pt/fileadmin/CASA_ FERNANDO_PESSOA/CFP_Congresso_ Internacional_FP_2017_Ficha_ inscricao_02.pdf
Se precisar de mais informações, pode sempre contactar-nos através do email: congressointernacionalf p@casafernandopessoa.pt

Imagem intercalada 1
CLEPUL (Centro de Literaturas e Culturas Lusófonas e Europeias da
Faculdade de Letras da Universidade de Lisboa)
Alameda da Universidade
1600-214 Lisboa - PORTUGAL
Telef.: 00351 21 792 00 44

    

lunedì 30 gennaio 2017

Organo di Sant'Antonio dei Portoghesi: febbraio


António Pinto da França (1936-2013)



La prossima mostra presso l'Istituto Portoghese di Sant'Antonio in Roma, Viaggio in Portogallo - Acquerelli, ritratti, taccuini, ceramiche, azulejos, stendardi di Gabriele Reina - è dedicata alla memoria di  Antonio d’Oliveira Pinto da França (1936-2013), già Ambasciatore del Portogallo presso la Santa Sede.
Un’occasione di ricordare questo importante diplomatico portoghese, che a Roma ha lasciato “saudades”.




António Pinto da França, um especialista da vida
por Fernando d'Oliveira Neves, Embaixador reformado

António foi um grande Embaixador, inigualável na seriedade que punha no exercício da sua funções, na lealdade ao dever de um diplomata.


Faz hoje 79 anos que nasceu António Pinto da França. Quando, há umas semanas, ocorreu o primeiro aniversário da sua morte, tentei redigir um texto a evocá-lo, que comecei pela habitual frase “Faz hoje um ano que António Pinto da França nos deixou”. Mas não consegui escrever mais, pois, ao acabar de a escrever, tive a noção de que, justamente, o António não nos deixou.

A relação que o António estabelecia com as pessoas com que se ia cruzando na vida era tão envolvente que, para aqueles que tiveram o privilégio de ser seus amigos, persistia e persiste para além da sua presença física.

António foi um grande Embaixador, inigualável na seriedade que punha no exercício da sua funções, na lealdade ao dever de um diplomata, na alegria confiante com que representava uma Pátria pela qual tinha genuíno amor e orgulho, que cresciam à medida que, curioso e deslumbrado, a foi encontrando pelo Mundo, nas suas deambulações profissionais e pessoais.

Tinha uma inteligência viva e aberta que lhe permitia conjugar a força das suas convicções com um verdadeiro esforço de compreensão da diferença, da novidade, do outro, e lhe conferia uma vasta capacidade de empatia com os seus interlocutores.

Tinha uma cultura verdadeira, enraizada, digerida, interpretada por ele e não absorvida de terceiros, que se estendia à História, às artes, à literatura, mas sobretudo às pessoas, ao convívio, à vida em directo e sem intermediários.

Tinha um sagaz sentido de observação que conseguia exercer sem nunca se distanciar. Não perdia um minuto das conversas, das paisagens, das coisas, mas nunca se colocava como observador exterior. Era simultaneamente, e com igual gozo, actor e observador.

Tinha um elevado sentido de humor com que nos encantava e divertia, sem nunca se deixar cair num sarcasmo fácil, e uma imaginação prodigiosa que atravessava espelhos, nos fazia cair em tocas atrás de coelhos e nos levava para aventuras inesperadas que só ele sabia onde desaguavam. Como também um enorme gosto por aventuras verídicas a que se entregava com entusiasmo.

Os seus livros retratam a frescura, que alguns podem confundir com ingenuidade, com que absorveu a vida dos países onde serviu, a satisfação com que foi desvendando as particularidades de cada um. Vivia com total e igual empenho as coisas mais prosaicas como as mais graves, que encarava com a mesma curiosa alegria.

Mas o que mais marcava António Pinto da França era, a meu ver, o seu humanismo, a afectividade que colocava em tudo o que fazia e com que se relacionava com os que o rodeavam. Em tudo colocava a sua enorme capacidade de afecto. Apetece-me dizer que tinha uma inteligência afectiva e uma afectividade inteligente. E era essa afectividade que dava uma intensidade particular a tudo aquilo em que se envolvia. A cativante boa disposição, a bonomia, a alegria, o sentido de humor, a abertura aos outros, a atenção ao novo faziam com que conversar com o António, passear com o António, ouvir o António a dissertar sobre as coisas que de que gostava, a explicar os recantos e as histórias da Quinta da Anunciada Velha, pela qual partilhava com a Sofia uma paixão, fosse uma festa, que todos antecipávamos com anseio quando sabíamos que o íamos encontrar e nos deixava reconciliados com a vida.

No fundo o António era um verdadeiro especialista da vida, um virtuoso da maneira de viver. Por isso não nos deixou e mantém com todos que com ele lidaram um raro envolvimento de amizade e magia.




Un “VIAGGIO IN PORTOGALLO” di Gabriele Reina all’Istituto Portoghese di Sant’Antonio in Roma




Un “VIAGGIO IN PORTOGALLO” di Gabriele Reina
all’Istituto Portoghese di Sant’Antonio in Roma
una mostra  dedicata alla memoria dell’Ambasciatore Antonio Pinto da França


Il 9 febbraio 2017, alle ore 18 presso la galleria d’arte dell’Istituto Portoghese di Sant’Antonio in Roma, avrà luogo l’inaugurazione della mostra “VIAGGIO IN PORTOGALLO” - ritratti, disegni, azulejos, piatti, taccuini, stendardi di Gabriele Reina. Dedicata alla memoria di Antonio d’Oliveira Pinto da França (1936-2013), già Ambasciatore del Portogallo presso la Santa Sede, l’evento sarà presieduto da S.E. l’Ambasciatore António de Almeida Ribeiro e del Rev. Mons. Agostinho da Costa Borges, Rettore dell’IPSAR. Interverranno l’Arch. Francesco Petrucci, Conservatore di Palazzo Chigi in Ariccia e l’Ambasciatrice Donna Sofia Pinto da França. L’esposizione rimane aperta fino al 26 febbraio, da mercoledì a domenica, dalle ore 17.00 alle 19.00, in via dei Portoghesi, 6 (centro storico di Roma).

“VIAGGIO IN PORTOGALLO” raccoglie una ingente selezione di ritratti, vedute, azulejos, acquerelli, piatti da parata e pure taccuini di schizzi con centinaia di disegni e annotazioni. Spiccano anche decine di scenografici stendardi araldici delle maggiori famiglie portoghesi del tempo della Reconquista e delle grandi scoperte geografiche (desunti da un codice lusitano del XVI secolo). Sono il risultato di molteplici vagabondaggi compiuti in Portogallo da un artista errabondo in circa dieci anni. Sempre alla ricerca di luoghi pittoreschi e d’incontri degni di un libro. E sempre con criteri differenti: disegnando a piedi lungo il Cammino di Santiago; nella Serra da Estrela e nel Minho; in canoa lungo il fiume Mondego; oppure provenendo dall’Italia lungo le carreteras delle Asturie e dell’Estremadura. Per sua stessa ammissione, l’autore, che è anche scrittore e storico dell’arte, è sempre rimasto colpito dal Portogallo, primo impero globale della storia, nel quale si compendiano ben otto culture: europea, africana (Ceuta, Angola, Mozambico, Zanzibar), indiana (Diu, Goa, Damão), malese (Malacca), indonesiana (Timor, Molucche), cinese (Macao), giapponese (Nagasaki) e brasiliana.


Viaggio in Portogallo · Viagem em Portugal
Acquerelli, ritratti, taccuini, ceramiche, azulejos, stendardi
di Gabriele Reina

ISTITUTO PORTOGHESE DI SANT’ANTONIO IN ROMA
Via dei Portoghesi, 6 (centro storico)

Dal 9 al 26 febbraio 2017
da mercoledì a domenica, ore 17.00-19.00




GABRIELE REINA
Nato a Lugano nel 1969 da una vecchia famiglia lombarda. Laureato in Lingue e Storia dell'Arte (Milano), dottorando (Phd) in Storia dell'Arte (Losanna). È stato editor e ultimo caporedattore della storica casa editrice FMR/Franco Maria Ricci. Autore di libri e saggi per FMR, Mondadori-Electa, White Star/National Geographic ecc., fra cui Palazzo Altieri; Bologna; Castelli del mondo; Superga segreta ecc. E’ socio della Società Dalmata di Storia Patria (Venezia), del Collegio Araldico (Roma), della Scottish History Society (St. Andrews) e del Robert Louis Stevenson Club (Edimburgo). Pittore ritrattista, è stato allievo del maestro Sibò (Pier Luigi Bossi, 1907- 2000), che fu discepolo dei pittori senesi Arturo Viligiardi (1869-1936) e Dario Neri (1895-1958).

"Olhos d'agua", di Conceição Evaristo: domani, 31 gennaio, alla Casa delle Traduzioni



MEMORANDUM:

Incontro di domani alla Casa delle Traduzioni, in via degli Avignonesi 32, dalle 17:00 alle 19:00.

Questo mese, il Gruppo di Lettura in Portoghese, guidato da Vincenzo Barca e Daniele Petruccioli, discuterà di Olhos d'água, di Conceição Evaristo: http://tinyurl.com/h498dpf

venerdì 27 gennaio 2017

La moda portoghese sfila ad “Altaroma”

https://www.roma.embaixadaportugal.mne.pt/it/l-ambasciata/notizie/1085-la-moda-portoghese-sfila-ad-altaroma


Estelita Mendonça, Susana Bettencourt e Alexandra Oliveira presentano oggi a Roma le loro collezioni per il prossimo inverno.
Altaroma, kermesse dedicata alla moda a Roma, è rivolta ai talenti emergenti.
Con il sostegno di Camera di Commercio di Roma, Regione Lazio, Risorse per Roma, Città metropolitana di Roma, e con il supporto del Ministero dello Sviluppo Economico e dell’ICE - Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane.
Fino al 29 gennaio al Guido Reni District
Via Guido Reni, 7 Roma
http://www.altaroma.it/

giovedì 26 gennaio 2017

Venedì e Sabato a Via dei Portoghesi...

Venerdì, 27


Presentazione del libro Ines de Castro, un mito lungo cinque secoli di Salvatore Statello, a cura della Professoressa Mariagrazia Russo, Università degli Studi Internazionali di Roma, alla quale presiederà S. E. l’Ambasciatore del Portogallo presso la Santa Sede Dott. António de Almeida Ribeiro il venerdì 27 gennaio 2017, alle ore 18.00 nel salone nobile dell’Istituto Portoghese di Sant'Antonio in Roma.

Inês de Castro, personaggio vissuto alla corte di Portogallo nel 1300, fu protagonista di una tragica vicenda d'amore col principe ereditario. Vittima della Ragion di Stato, simbolo dell'amore puro, la cui forza supera i limiti del tempo e della morte, grazie alla poesia, dal XVI sec. è assurta a topos letterario e personaggio di numerose pièces del teatro europeo.



Sabato, 28


I musicisti portoghesi José de Eça (Tenore, nella foto) e Luís Costa (Pianista) si esibiranno in un concerto di Musica da Camera all’Istituto Portoghese di Sant’Antonio in Roma.

PROGRAMMA
Franz Liszt (1811 - 1886)
Tre Sonetti del Petrarca
En Rêve S.207
Schlaflos! Frage und Antwort S. 203
Bagatelle sans Tonalité S.216
F. Liszt/G.F. Haendel (1685-1759)
Sarabande und Chaconne aus dem Singspiel Almira S. 181
Vianna da Motta (1868 - 1948)
Olhos Negros
F. de Lacerda (1869 - 1934)
Tenho tantas saudades
Henri Duparc (1848 - 1933)
Chanson Triste
La vie antérieure

JOSÉ DE EÇA
LUÍS COSTA

Sabato 28 gennaio 19h00 - Chiesa di Sant'Antonio dei Portoghesi in Roma - Via dei Portoghesi, 2

Misia, "Do primeiro fado ao último tango"





Alberto Riva su Misia, in "Il Venerdì" di "Repubblica"


martedì 24 gennaio 2017

Libro di Nicoletta Del Gaudio presentato da Stefano Valente all'IPSAR


Il 23 febbraio, alle ore 18:00... Vi aspettiamo numerosi!

lunedì 23 gennaio 2017

Donatella Salvi escreve sobre a sua cidade: Bergamo

A nossa aluna de primeiro nível, DONATELLA SALVI,descreve a sua cidade e dá conselhos aos visitantes... Obrigado, Donatella!




Bergamo é a minha cidade.
É uma cidade de origem romana, subdividida em duas partes: a cidade alta, mais antiga, e a cidade baixa, mais moderna.
Chamam-lhe a “cidade dos Mil”, porque muitos voluntários de Bergamo participaram na “expedição dos Mil” de Garibaldi.
Em 1428 Bergamo foi dominada pela República de Veneza.
No centro da cidade alta, que se encontra rodeado por muralhas construídas pelos venezianos, há muitos monumentos a visitar:
- Fonte Contarini;
- Palácio da Ragione;
- Sé de São Alexandre;
- Basílica de Santa Maria Maior;


Entre a cidade alta e a baixa há uma funicular, mas também é possível subir por uma escada.
Bergamo baixa tem o Teatro Donizetti e também duas galerias de arte: a Academia Carrara e a Galeria de rte Moderna e Contemporânea.
Bergamo tem 120.000 habitantes.

Alguns conselhos da Donatella:

  • Visita a minha cidade no final da primavera, porque tens muitos jardins e árvores.
  • Leva a gabardine, porque pode chover.
  • Visita a cidade alta, que tem muitos monumentos.
  • Passeia pelo Sentierone.
  • Come “polenta e osei”, “cansonsei alla bergamasca” e o “scarpinocc” no restaurante “Ornella”



DONATELLA SALVI

venerdì 20 gennaio 2017

Fiorella Ialongo scrive sull'attività dell'IPSAR in "26 Lettere: editoria, comunicazione, pubblicità"

 

Viaggio nella cultura a Sant’Antonio dei Portoghesi

di Fiorella Ialongo
in  http://www.26lettere.it/viaggio-nella-cultura-a-santantonio-dei-portoghesi/#

Il nuovo anno inizia con un programma ricco ed interessante presso l’Istituto Portoghese di S. Antonio a Roma in via dei Portoghesi 6. Il suo Rettore, Mons. Agostinho da Costa Borges, sotto l’alto patrocinio dell’Ambasciatore del Portogallo presso la Santa Sede Dott. Antonio de Almeida Ribeiro, ha inaugurato la mostra “NATURAE – il viaggio è accoglienza. L’accoglienza è un viaggio”. In essa espongono Paola Falini e Ricciarda Azzini, con le fotografie di Carmelo Daniele. Nel corso del vernissage vi sono stati momenti di intensa emozione con le poesie di Alessandra Iannotta. Il senso della mostra è nel sottotitolo: La natura è tutto quello che sappiamo ed anche quello che esiste, ma che non sappiamo. In questa mostra si riconosceranno tutti coloro che vogliono aprirsi all’altro ed all’altrove, spinti da quel desiderio umano che è la sete di conoscenza. In altri termini è un percorso in cui l’uomo percorre un proprio personale cammino all’interno di se stesso e nell’incontro con l’altro, in cui la natura diventa il luogo in cui svolge. Si tratta, a ben guardare, dello spirito pionieristico dei grandi navigatori portoghesi che lasciarono la propria Patria per cercare altri luoghi sconosciuti.  Agli uomini moderni gli artisti che espongono non richiedono di navigare verso lidi misteriosi, ma di farsi ispirare da una famosa citazione di  Marcel Proust: “ Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell’avere nuovi occhi”. La mostra rimarrà aperta fino al 29 gennaio 2017, dal lunedì alla domenica, dalle 15 alle 20.  Tra i concerti che si terranno nei locali dell’Istituto Portoghese si segnala quello  del 29 gennaio da parte dell’ Organista Titolare Giampaolo Di Rosa il quale presenterà esecuzioni di Domenico Scarlatti, Carlos Seixas e Juan Cabanilles nel ciclo «Scarlatti Plus». Sabato 28 gennaio vi sarà musica da camera con il tenore José de Eça e il pianista Luís Costa venuti dal Portogallo. Venerdì  27 gennaio, alle ore 18.00 nel salone nobile dell’Istituto Portoghese verrà presentato il libro Ines de Castro, un mito lungo cinque secoli di Salvatore Statello, a cura della Professoressa Mariagrazia Russo, Università degli Studi Internazionali di Roma, alla quale presiederà l’Ambasciatore del Portogallo presso la Santa Sede. La protagonista dell’opera è una dama della corte del Portogallo, vissuta nella prima parte del 1300, uccisa perché ritenuta un pericolo a causa della sua influenza sul principe ereditario con cui ebbe un intenso legame sentimentale. Nel corso del tempo la sua drammatica storia è diventata un’ icona universale dell’amore puro, in cui si possono riconoscersi anche i lettori contemporanei

Fiorella Ialongo
in  http://www.26lettere.it/viaggio-nella-cultura-a-santantonio-dei-portoghesi/#

Lisbona e Taormina in “La perdita della corazza” di Nicoletta Del Gaudio



Appena uscito il romanzo di esordio di Nicoletta Del Gaudio:  La perdita della corazza
(Editore: Gruppo Albatros Il Filo / Collana: Nuove voci - gennaio 2017)


Oggi voglio proporvi un libro “La perdita della corazza”, un romanzo che ho scritto ed è edito dal Gruppo Albatros per la collana Nuove Voci.  Mi sono avventurata in questa esperienza totalmente nuova per me, nonostante ciò, e quindi consapevole di non avere una lunga conoscenza in questo campo come molti altri autori, sento di consigliarvi questo libro perché viene dal cuore.  Sia Sara, la protagonista, che ogni personaggio presente con cui si relaziona, potrebbero essere l’immagine riflessa delle persone che incontriamo ogni giorno: il nostro vicino di casa, il collega, l’insegnante dei nostri figli, chiunque insomma faccia parte del nostro quotidiano e che ogni giorno affrontano problemi piccoli o grandi che formano la personalità e la caratterizzano rendendoli unici.  Chi mi conosce sa quanto sia una persona restia nel proporsi, nel manifestare alcune capacità (cosa che tutti noi, nessuno escluso, abbiamo), e di come invece sia prodiga nel riconoscere le cose negative che mi caratterizzano come l’irascibilità (sono tremenda quando guido, me la prendo con chiunque), la difficoltà ad intravedere l’aspetto positivo laddove si presentino degli ostacoli da affrontare, faccio enorme fatica ad affrontare le critiche negative ( certo, ottima scelta avere un blog!!!), ma nonostante tutto mi piacerebbe che qualcuno tra voi dopo aver letto questo romanzo si sentisse meno solo, che provasse empatia con tutti i personaggi, che fosse, almeno un pochino, dispiaciuto di averlo terminato.

dal blog di Nicoletta del Gaudio