venerdì 29 gennaio 2016

Ad Aprile, Napoli incontra Lisbona


Isabella Mangani

“Mátria - tre concerti per due donne e una città"”

da venerdì 8 a domenica 10 Aprile 2016

 

 
·         venerdì 8 Aprile 2016

"Amália tra i poeti" - dedicato ad Amália Rodrigues

 

·         sabato 9 Aprile 2016

"Mareiro - Avvistamenti lusitani da Capo di Posillipo" - Un abbraccio da Partenope a Lisbona

 

·         domenica 10 Aprile 2016

"Canzone pe' Leonora" - dedicato a Eleonora Pimentel Fonseca

 

Sala Teatro Ichos
via Principe di Sannicandro 32/A
San Giovanni a Teduccio (Napoli)

info e prenotazioni:
Ichòs Zoe Teatro 3357652524; 081275945.

 

·         venerdì 8 Aprile 2016

"Amália tra i poeti" - dedicato ad Amália Rodrigues


Idea e selezione di Francisco de Almeida Dias
traduzioni a cura di Isabella Mangani e Francisco de Almeida Dias
con
Francisco de Almeida Dias – voce recitante (in portoghese)
Isabella Mangani – voce recitante (in italiano)
Stefano Donegà – chitarra classica
Felice Zaccheo – chitarra portoghese




Amália Rodrigues, considerata in patria come la maggior interprete di “fado”, è stata riconosciuta a livello internazionale come la voce lusitana per eccellenza, perdendo cognome e accentuazione sulla a di mezzo: AMALIA sembrava bastare ed era sinonimo di Portogallo. La sua carriera durò più di cinquant’anni, con centinaia di concerti in tutto il mondo, compresa l’Italia, dove incise anche il disco A una terra che amo, nel 1973. Non tutti sanno però che Amália ha operato all’interno della canzone nazionale portoghese una vera rivoluzione, introducendo in un ambito tradizionalmente popolare i più grandi poeti portoghesi, dal Cinquecento fino ai suoi contemporanei. Così, attraverso la sua voce potente e grazie alla collaborazione di alcuni sensibili compositori, il grande epico Camões e i nomi più illustri della poesia di espressione portoghese del XX secolo sono usciti dalle accademie per entrare a fare parte di un patrimonio comune allargato e accessibile a tutti. Il nostro omaggio è un percorso di poesia e musica intorno alle parole di alcuni di questi grandi poeti cantati da Amália Rodrigues e ai versi che la stessa Amália scriveva.


 
 

·         sabato 9 Aprile 2016

"Mareiro - Avvistamenti lusitani da Capo di Posillipo" - Un abbraccio da Partenope a Lisbona

Isabella Mangani in Trio
con Stefano Donegà e Felice Zaccheo



Scrive Manuel Teixeira-Gomes:
“Vento mareiro fresco, encapelando levemente a água em ondas verdes, floridas de espuma efémera.
Aragem que sacia os pulmões…”
“Fresco vento che soffia dal mare, che increspa lievemente l’acqua a tramutarla in verdi onde, floride di spuma effimera. Brezza che sazia i polmoni…”
Vénus momentânea (da Inventário de Junho, 2ª ed., 1918)

In portoghese, “mareiro” è un aggettivo che indica provenienza e si dice soprattutto di vento che “viene o soffia dal mare”. In senso più esteso, significa “propizio, favorevole alla navigazione”. Con i nostri canti, i nostri suoni e i personaggi che evochiamo attraverso le nostre parole vogliamo essere il vento buono che gonfia le vele, ma anche la brezza che sazia i polmoni di chi resta sul molo. Il vento dei buoni presagi. Napoli è la città che ha dato i natali a Isabella Mangani, Lisbona è la Napoli gentile che l’ha ospitata e ancora la accoglie con amore e con una luce per la quale non ci sono parole. Sembra si diano le spalle, l’una rivolta su un grande e freddo oceano, l’altra sul caldo mare più a oriente. È con quel calore che la sirena Partenope circonda in un abbraccio la principessina mora del Tago e la racconta, con amore.



·         domenica 10 Aprile 2016

"Canzone pe' Leonora" - dedicato a Eleonora Pimentel Fonseca

Idea e selezione di Francisco de Almeida Dias
traduzioni a cura di Isabella Mangani e Francisco de Almeida Dias
con
Isabella Mangani – voce e narrazione
Stefano Donegà e Felice Zaccheo – cordofoni e altri strumenti


Era il 20 agosto 1799. A Piazza Mercato veniva portata al patibolo una donna italiana di origini portoghesi che sarebbe divenuta uno dei simboli della Repubblica Napoletana. Era una letterata, traduttrice, madre in lutto, moglie abusata, attivista politica e giornalista. La conosciamo con il nome di Eleonora Pimentel Fonseca.
Con questo concerto intendiamo raccontarla, e – parafrasando Benedetto Croce –riallacciare con la nostra forza, pur modesta e umile, di musicisti quel legame sentimentale con il passato che prepara ed aiuta l’intelligenza storica e che soprattutto assai ingentilisce gli animi. Ricerca musicale a cura di Stefano Donegà, Isabella Mangani e Felice Zaccheo.

2 commenti:

mtt ha detto...

tutti in gita a Napoule! grazie ci saremo numerosi e rumorosi

Coisaspequenas ha detto...

Grazie molte, mtt!
Siamo felici di tornare a suonare a Napoli, e felicissimi di tornare a farlo a Sala Ichòs. Venite, venite in tanti: è un luogo da conoscere, animato da persone che da quindici anni lavorano per la cultura in un luogo periferico come San Giovanni a Teduccio. Un posto speciale.
Isabella M.