venerdì 7 novembre 2008

Magusto em Santo António dos Portugueses


Questa Domenica, dopo la messa domenicale presieduta dal Rev. P. Jeremy Rodrigues, ordinato sacerdote il 28 Giugno scorso, avrà luogo nel cortile dell’Istituto Portoghese di Sant'Antonio il tradizionale MAGUSTO (castagnata), occasione di convivio tra la comunità portoghese e tutti gli amici romani che vorranno parteciparne.

Ma... che cos’è un MAGUSTO e a che tradizione si collega?
Il magusto è una festa popolare, le cui espressioni cambiano leggermente a seconda delle diverse regioni del Portogallo. Di solito, gruppi di amici e famiglie si concentravano intorno al fuoco dove si arrostivano le castagne, che si mangiavano poi accompagnate dalla “jeropiga” (vino dolce) o vino novello. Insieme al pasto si cantava e si giocava – un’occasione per mantenere unita la comunità.
È possibile, come sosteneva il grande etnografo portoghese Leite de Vasconcelos, che il magusto sia un lontano successore dei sacrifici che si facevano per onorare i morti. Però, intimamente associata alla celebrazione di San Martino, il magusto ricorda anche la leggenda secondo la quale un soldato romano, passando a cavallo vicino ad un vagabondo quasi nudo, e non avendo nient’altro da dargli, ha tagliato a metà la sua cappa con la spada. Il giorno, che era di pioggia e freddo, diventò luminoso e caldo, e per questo, in Portogallo, a questi giorni più miti intorno al 11 novembre, sono tradizionalmente definiti “estate di San Martino”.
IN

2 commenti:

Roberto ha detto...

Ma che bella occasione codesto "magusto" per condividere la tradizione de "l'estate di San Martino", che accomuna, ancora una volta, i nostri popoli.
Non mancheremo!

Vilma ha detto...

Já no ano passado fui no Instituto pelo Magusto mas eu, naquela altura, estava com grande tristeza.
Magusto é uma festa muito divertida e para mim, uma ocasião por falar português e estar com os/as amigos/as. Tenho esperança de vir também no próximo Domingo, e de gostar em pleno desta tradição.